Fermiamo gli approfittatori della crisi: niente dividendi milionari per le aziende che ricorrono al lavoro ridotto!

Hanno fatto ricorso al lavoro ridotto, ricevono denaro pubblico e allo stesso tempo distribuiscono milioni agli azionisti? Noi ci opponiamo! Il Parlamento deve fermare coloro che vogliono approfittare della crisi!

Già 36092 persone hanno firmato.

Una grossa fetta dell’economia svizzera si è fermata. Le PMI e gli indipendenti stanno lottando per sopravvivere, molte persone devono fare i conti con uno stipendio ridotto e altri hanno perso addirittura il lavoro. Ma alcune grandi aziende stanno sfruttando spudoratamente questa crisi: hanno richiesto il lavoro a tempo ridotto facendo così pagare il salario dei loro dipendenti dallo Stato, e, al tempo stesso, distribuiscono dividendi da capogiro a se stessi e ai loro azionisti. Per loro vale la regola “i profitti sono questione privata, i costi pubblici”: una vera ingiustizia!

Chiediamo al Parlamento di fermare quest’ingiustizia. Le grandi aziende che ricevono fondi pubblici per il lavoro ridotto non devono essere autorizzate a pagare dividendi durante questa crisi, come già avviene, ad esempio, in Danimarca o in Francia.

Firma ora: